A proposito dei dati sui quali viene calcolato Rt

I valori ufficiali di Rt sono rilasciati dall’Istituto Superiore della Sanità (ISS) sulla base dei dati dei positivi ai tamponi che abbiano manifestato la comparsa dei sintomi.
Questi dati sono rilasciati dall’ISS per i soli dati nazionali. I dati della Protezione Civile (PC) sono invece relativi a tutti i tamponi positivi e vengono rilasciati per tutta la nazione, le regioni e le provincie. Tutti i dati internazionali rilasciati ad esempio dalla John Hopkins University (JHU) sono relativi al campione dei tamponi positivi.
I valori di Rt che riportiamo nel sito sono calcolati sulla base dei dati della PC, per cui era necessaria una verifica di compatibilità di queste stime con quelle dell’ISS.
Per far questo abbiamo pubblicato un lavoro in [arxiv:2101.01414].
Il risultato principale è riportato nella figura qui sopra, che mostra l’assoluta compatibilità dei valori di Rt calcolati con i dati dell’ISS e con i dati della PC.
Per ottenere questo accordo è necessario anticipare di 8 giorni l’Rt calcolato con i dati della PC; 8 giorni è l’intervallo di tempo che passa in media fra la comparsa dei sintomi e l’esito di un tampone positivo.
Questo non vuol dire che l’Rt calcolato dall’ISS sia in anticipo di 8 giorni rispetto al nostro Rt. Al contrario, siccome gli ultimi 14 giorni dei dati dei sintomatici non sono utilizzabili, la nostra stima risulta in anticipo di 6 giorni rispetto a quella dell’ISS.
In altre parole, alla data di oggi, il valore annunciato dall’ISS corrisponde al valore calcolato nel nostro sito 6 giorni fa.

Approfondimenti: Lavoro Scientifico Slides

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − 8 =